Archivio mensile:giugno 2019

Manuali… inutili (o quasi)


Photo by Magda Ehlers on Pexels.com

In questi giorni sono stato impegnato nell’istallazione di una serie di programmi relativi a servizi istituzionali: è stata un impresa degna delle fatiche di Ercole!

Già con Windows si incontrano problemi, con Linux, anzi, per la precisione, Mint, è un calvario, certo ho così imparato molte cose, ho avuto modo di scoprire aspetti di questo sistema operativo, di imparare comandi da terminale, però questo non giustifica l’indecente supporto manualistico messo a disposizione dalle istituzioni e da chi per conto loro ha sviluppato i programmi.

In alcuni casi sono estremamente sbrigativi facendo credere a una facilissima procedura, poi invece non funziona un bel niente e scopri che ci sono tutta una serie di operazioni da fare in via preventiva, operazioni che da nessuna parte trovi indicate, le devi scoprire in autonomia, cosa tutt’altro che facile per chi nell’informatica ci naviga bene, figuriamoci per chi, lecitamente (esattamente come pochi sano mettere le mani nel motore dell’auto, per fare un esempio), si limita a usarla.

In altri casi sono più dettagliati ma suddivisi in vari documenti, e magari anche su siti diversi, ognuno dei quali riporta procedure differenti e fa riferimento a versioni differenti, magari piuttosto obsolete.

La situazione mostra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanta poca attenzione si dia all’utente, quanto poco ci si preoccupi di dare informazioni aggiornate e affidabili, di come sia poco lungimirante la visione sulla documentazione tecnica la cui scrittura viene quasi sempre erroneamente assegnata a chi le cose le conosce bene e ne da tante, troppe, per scontate. Scrivere un manuale è molto più di un lavoro, è un’arte sopraffina, un arte che prevede varie abilità, tra le quali assai importante quella dell’empatia verso chi quei manuali dovrà utilizzare.

Scrivere un manuale è un incarico che non può essere assegnato al primo che capita sotto mano. Altrimenti…

Altrimenti vengono spesi soldi per produrre manuali assolutamente inutili!

P.S.
Da questa esperienza ne nasceranno a breve alcuni articoli didattici che penso potranno tornare molto utili a molte persone e molte aziende. Continua a seguirmi.

Educazione e libertà


L’una del pomeriggio di un caldo giorno di giugno, finito di mangiare mi rilasso sul divano guardando una trasmissione televisiva culturale, lo scrittore di turno esce con una frase (“non si educa privando delle libertà, ma concedendole”) che colpisce la mia attenzione, non solo perché è una frase saggia, ma anche perché viene a confermare una cosa che ho sempre pensato, che ho sempre propagandato e per la quale ogni giorno mi metto in gioco e manifesto.

Nei minuti a seguire rielaboro mentalmente il concetto e mi viene un mantra nuovo nella sua espressione, ma nella sostanza vecchio come poc’anzi espresso, e me ne innamoro subito…

“Non si educa alla libertà, bensì si educa con la libertà!”

Sentiero 3V "Silvano Cinelli"

Il lungo cammino bresciano attorno alla Val Trompia (BS)

the Writer's Disease

The Official Nick Alimonos Blog

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

The Meandering Naturist

Traveling the world in search of naturist nirvana...

Interferenze

“Walk in the mashup side!"

Vita a Lou Don

Una borgata alpina con tre abitanti ma tante storie da raccontare

ARDRONINO

Quadricottero con Arduino

El eurociudadano nudista

... eta nik txoria nuen maite ...

mamá nudista

Vivencias y opiniones desde mi condición de mujer, madre, nudista y humana

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: